domenica 3 febbraio 2019

Il Circolo Legambiente Valceresio onlus festeggia il ventennale



Il Circolo Legambiente Valceresio onlus festeggia il ventennale dell’Associazione e rilancia per il nuovo anno il suo impegno per la conoscenza e difesa dell’ambiente.

Si è tenuta il 3 di febbraio del 2019 l’Assemblea annuale del circolo Legambiente Valceresio onlus che ha rinnovato il Consiglio direttivo aprendo a due nuovi membri Laura Bianchi e Marco Imperiali che sostituiscono Francesco Benazzi e Mario Franzil, a cui va il ringraziamento del Circolo per l’impegno  da loro profuso in lunghi anni di collaborazione. Questo è l’anno che segna il giro di boa del ventennale, testimoniando la longevità e la vitalità di un gruppo che ha mantenuto inalterato l’entusiasmo dei fondatori, tra cui il Presidente Sergio Franzosi, e ha aumentato ogni anno il numero dei propri soci, risultando a tutt’oggi uno dei più numerosi Circoli di Legambiente in Lombardia.
Il nuovo Consiglio direttivo, composto anche dalla segretaria Luciana Gatti, dal responsabile escursioni e tesseramento Francesco Morandi , dal vice presidente Marco Comolli e dal responsabile della comunicazione Milena Nasi Benetti, si muove compatto verso le nuove attività previste per il prossimo anno: escursioni guidate e valorizzazione delle risorse naturalistiche e culturali delle valli del Varesotto, del Luinese e del Comasco; azioni di sensibilizzazione verso i comportamenti atti  a fronteggiare i principali problemi ambientali, dal ciclo dei rifiuti ai cambiamenti climatici, dal monitoraggio del ciclo integrato delle acque alla difesa del territorio, al contrasto del consumo di suolo. Il Circolo Legambiente Valceresio si conferma come un sicuro punto di riferimento per i cittadini e le amministrazioni pubbliche, offrendo, informazioni e collaborazioni nel perfetto spirito che anima Legambiente come baluardo della difesa del'ambiente naturale e urbano e di un più sostenibile stile di convivenza.

lunedì 17 dicembre 2018

AUGURI AUGURI AUGURI



NATALE 2018


Sotto un cielo che esplode e comunica meraviglia, un Babbo Natale insolito ci porta i suoi doni.
Aprendo ogni pacchetto compare, evapora e si dissolve nell’aria la scritta “ Serenità”:
quella che auguro a tutti voi, amici di Legambiente Valceresio, per le prossime festività e per tutto il 2019.
 Mi sovviene un augurio: siate come quell’uccellino posato su un ramo che  non ha mai paura che il ramo si rompa, perché la sua fiducia non è nel ramo ma nelle sue ali..
 Buone feste e buon 2019!
                                                 Il Presidente:      Sergio Franzosi

venerdì 13 luglio 2018

GOLETTA DEI LAGHI CAMPAGNA 2018









La Goletta dei laghi e le attività di monitoraggio



La Goletta dei Laghi è la campagna itinerante di Legambiente, di monitoraggio e informazione sullo stato di salute degli ecosistemi lacustri. Da dodici anni la Goletta dei Laghi rinnova il suo storico impegno nella mappatura dei problemi derivanti dalla cattiva o mancata depurazione nelle zone lacuali, potendo contare sul prezioso lavoro dei tecnici specializzati e il laboratorio mobile al seguito della campagna per le analisi microbiologiche.
Nell’edizione 2017 il tour ha riguardato 14 laghi italiani, da quelli prealpini sino a quelli dell’Italia centrale, con sei regioni toccate in circa un mese: Lombardia, Piemonte, Veneto, Umbria, Lazio e Trentino; oltre 50 iniziative organizzate in collaborazione con i circoli territoriali di Legambiente, i comitati e le amministrazioni locali. Un viaggio che ha visto protagonista un equipaggio di 10 persone impegnate su un ampio fronte di monitoraggio scientifico ed indagine territoriale alla ricerca delle criticità che investono i laghi italiani.

Dal 2016, grazie alla collaborazione con ENEA (l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile), il fronte di indagine è stato allargato anche alle microplastiche, ossia le particelle di plastica con dimensione inferiore ai 5 millimetri.
Le microplastiche sono sempre più presenti negli ecosistemi marini e terrestri, si tratta di un inquinamento di difficile quantificazione e impossibile da rimuovere totalmente. Pertanto lo studio della presenza e dell’identificazione di queste microparticelle risulta necessario per la conoscenza del fenomeno di diffusione nell’ambiente.
Molti studi infatti sono stati condotti sulla presenza e sulla dispersione delle microplastiche nell'ambiente marino (fin dagli anni '70) e negli ultimi anni sta crescendo la consapevolezza che anche le acque dolci non sono immuni da questo problema e che, trasportate da corsi d'acqua e scarichi, macro e microplastiche sono sempre più presenti anche nei laghi. Da questi presupposti nasce il monitoraggio con Goletta dei Laghi.

Le microplastiche derivano dalla disgregazione dei rifiuti dispersi nell’ambiente ma possono avere anche una diversa origine, di tipo primario, e raggiungere l’ambiente direttamente con tali dimensioni. Si tratta, ad esempio, di pellets da pre-produzione industriale, fibre tessili dalle lavatrici o microsfere utilizzate nella cosmesi. Le conseguenze della loro presenza negli ambienti acquatici sono diverse si possono riassumere considerando: ingestione, da parte degli organismi, la conseguente sensazione di falsa sazietà che porta a non nutrirsi, il bioaccumulo nella rete trofica, tossicità per adsorbimento delle sostanze inquinanti presenti nell'ambiente ma anche per gli additivi contenuti nella plastica, trasporto di specie aliene che viaggiano con i frammenti.

Lo studio effettuato da Legambiente ed Enea sulle microplastiche nei laghi italiani rappresenta un monitoraggio unico, ad oggi, in Italia, il primo assoluto a livello nazionale ed ha permesso di ottenere un significativo database relativo al fenomeno delle microplastiche disperse nelle acque dei laghi Italiani. 

Nel 2016 lo studio preliminare condotto da Legambiente ed Enea[1] ha accertato la presenza di microplastiche in tutti i laghi monitorati e in tutti i campioni prelevati, con abbondanze medie comparabili a quelle rinvenute nei Grandi laghi dell’America Settentrionale e nei laghi Svizzeri. I laghi monitorati sono stati l’Iseo, il Garda, il Maggiore per le regioni del nord, Il Trasimeno in Umbria, Albano e Bolsena nel Lazio.